Oltre il dispositivo elettronico: la tecnologia IQOS all’interno degli stick

stick di tabacco heets e filtro

Pensate che la tecnologia all’avanguardia di IQOS sia racchiusa solo nel dispositivo elettronico? Non è così. Anche gli stick di tabacco progettati per essere scaldati con IQOS sono il prodotto di un approccio tecnologico altrettanto sofisticato. La speciale progettazione e la differenza in termini di esperienza di gusto offrono ai fumatori un vero concentrato di innovazione.

È stato necessario qualche un decennio di ricerca e sviluppo, supportato da investimenti di miliardi di dollari, per arrivare alla nascita del dispositivo IQOS. L’obiettivo da raggiungere era chiaro. Creare un nuovo modo di consumare tabacco senza combustione e senza fumo, offrendo ai fumatori adulti un’alternativa alla sigaretta per un futuro senza fumo.

Come per molti altri aspetti delle nostre vite, per giungere a questo traguardo la tecnologia è stata essenziale. Così come ha cambiato il nostro modo di lavorare e di vivere nel corso degli anni, oggi arriva a cambiare radicalmente il modo di consumare il tabacco. A supporto della tecnologia si è mossa fianco a fianco la ricerca scientifica. È stata proprio la loro unione a consentire la nascita di qualcosa di completamente nuovo. E’ il consumo del tabacco scaldato e non bruciato tramite un dispositivo elettronico grazie al brevetto HeatControl Technology, destinato ai milioni di fumatori adulti che scelgono di utilizzarlo. In poche parole è questa la chiave della rivoluzione creata da Philip Morris con IQOS.

Alla base del sistema IQOS è quindi la HeatControl Technology. Racchiusa in un software dedicato alla gestione del ciclo di riscaldamento e mantenimento di una temperatura controllata, è collocata nell’involucro denominato ‘holder’. Al suo interno si inserisce lo stick di tabacco, scaldato attraverso una lamina di platino e ceramica fino a una temperatura massima di 350°C, senza mai attivare il processo di combustione.

Il dispositivo elettronico viene utilizzato solo con stick di tabacco appositamente progettati per essere scaldati con IQOS.

Si chiamano Heets e sono in vendita in tabaccheria in 5 varianti, con una serie di differenze in termini di gusto. Un vero e proprio concentrato di innovazione, che sta rivoluzionando l’approccio al consumo del tabacco, consentendo di assaporarne l’aroma autentico.

Una alternativa migliore per i fumatori che desiderano abbandonare definitivamente le sigarette, continuando a utilizzare tabacco, perché senza combustione, e quindi senza fumo, cenere e odore.

Gli stick, prodotti nell’imponente impianto industriale di Crespellano (nei pressi di Bologna), sono una testimonianza concreta della rivoluzione in atto, in quanto prodotti seguendo un processo di lavorazione assolutamente peculiare. Questo consente un funzionamento ottimale della HeatControl Technology che consenta il riscaldamento del tabacco all’interno dello stick in modo omogeneo ad una temperatura costante. Tutti i materiali utilizzati nella loro produzione vengono selezionati in modo accurato e testati in laboratorio con metodi rigorosi.

Stick scaldati con IQOS per un nuovo modo di gustare il tabacco

Scopriamo allora qualche dettaglio in più sulla struttura interna dello stick di tabacco Heets. Composto da due parti fondamentali, ovvero il filtro e il tabacco, lo stick progettato per IQOS al suo interno rivela invece un grado di tecnologia che lo rende del tutto unico.

Cominciamo dal filtro, che contiene ben 4 elementi distinti al suo interno. Il primo, posto sull’estremità dello stick che si pone sulle labbra, è un filtro di origine vegetale molto simile a quello della sigaretta convenzionale.

A contatto con questo primo filtro, ne troviamo un secondo, detto ‘filtro cavo’, che mantiene il tabacco compatto quando lo stick viene inserito nell’holder. Al suo interno è collocata una pellicola di origine naturale, denominata PLA, ottenuta da una resina derivata dall’amido di mais, lavorata in fogli sottili e poi piegata. Questo secondo filtro serve a raffreddare il vapore emesso durante il riscaldamento dello stick all’interno dell’holder in maniera costante ad ogni utilizzo.

Il cambiamento nel colore e nella consistenza del filtro dopo l’uso è un cambiamento naturale, dal momento che le molecole di resina di mais reagiscono al vapore caldo che le attraversa, raffreddandolo e rimuovendo l’acqua in eccesso. Il filtro PLA non rilascia sostanze nocive durante l’utilizzo e può essere usato con sicurezza all’interno degli stick di tabacco.

Vi è poi un quarto ed ultimo elemento del filtro, ovvero la copertura esterna-in carta, che mantiene uniti i 3 componenti al suo interno.

Giungiamo al cuore di ogni stick

La sezione contiene il tabacco da scaldare, rivestita da una pellicola di alluminio che trattiene il calore all’interno dello stick, senza rilasciare sostanze nocive durante l’utilizzo. Esternamente lo stick è coperto da una cartina bianca di protezione, che preserva l’intera struttura.

Per facilitare l’inserimento della lamina di platino e ceramica e la conduzione del calore nello stick, il tabacco subisce una lavorazione specifica. Polverizzato e ricostituito, viene trasformato in un foglio omogeneo e compatta, e quindi sottoposto al processo brevettato denominato ‘crimping’. In sostanza, i macchinari comprimono i sottili fogli con una lavorazione molto simile a quella utilizzata per la carta goffrata. Grazie a questa struttura, la durata di ogni stick è simile a quella della sigaretta: 14 tiri o 6 minuti.

 

Diventa un IQOS Ambassador al MIA Photo Fair con la fotografia d’autore

mia photo fair

Manca poco più di una settimana al 22 marzo, giorno di apertura della fiera internazionale d’arte dedicata alla fotografia MIA Photo Fair. Un’occasione da non perdere, soprattutto per tutti gli IQOS Lover, che potranno vivere un’esperienza davvero unica. Diventare IQOS Ambassador e seguire lo special party inaugurale dedicato alla fotografia d’autore proprio nell’Embassy di Foro Bonaparte. Non resta che… dare sfogo al proprio talento fotografico!

News importante per tutti gli appassionati di fotografia d’autore: il prossimo 22 marzo a Milano apre la IX edizione di MIA Photo Fair, la mostra internazionale ideata e diretta da Fabio e Lorenza Castelli. Anche quest’anno IQOS è presente all’appuntamento, con un progetto artistico dedicato a tutti gli IQOS Lover.

Per il terzo anno consecutivo, infatti, IQOS avrà all’interno del MIA Photo Fair una lounge che ospiterà il progetto fotografico Everyday Uniqueness, ideato e realizzato appositamente per IQOS da Paolo Pellegrin, fotoreporter italiano di fama internazionale.

Il contest dedicato alla fotografia d’autore

Per rendere ancora più coinvolgente l’attesa, IQOS propone un contest fotografico su Instagram dedicato proprio al tema della fotografia d’autore. Il contest sarà attivo dal 14 al 19 marzo sulla pagina Instagram di IQOS. Il premio? Essere uno degli IQOS Ambassador presenti all’esclusivo party inaugurale di MIA Photo Fair che ha scelto proprio la IQOS Embassy di Milano come location esclusiva.

Diventa uno dei 5 IQOS Ambassador all’inaugurazione di MIA Photo Fair

Partecipare è molto semplice. Basta andare sulla pagina Instagram di IQOS Italia e inviare una foto artistica del proprio IQOS. Come suggerisce col proprio lavoro Paolo Pellegrin in Everyday Uniqueness, è fondamentale rendere l’innovazione di IQOS evidente e preziosa nel suo utilizzo, in un momento unico, in un’esperienza memorabile per quanto legati alla mera quotidianità. Insomma, anche con il proprio smartphone si può scattare una semplice ma coinvolgente “foto d’autore“.

Stiamo cercando te

Amanti di tutto ciò che è innovazione, dotati di una sensibilità estetica distintiva, molti degli IQOS lover sono sicuramente appassionati anche di fotografia, d’autore e non. Conoscono perfettamente i vantaggi che IQOS ha creato per tutti i fumatori adulti che hanno deciso di lasciarsi il fumo alle spalle in modo definitivo. Sono in sintesi queste le caratteristiche dei potenziali candidati, cui si aggiunge l’età minima di 25 anni e la passione per il “social-reportage” tramite foto e video.

I cinque utenti verranno scelti da una giuria appositamente predisposta e riceveranno  un invito alla festa di apertura della fiera MIA Photo Fair alla IQOS Embassy di Foro Bonaparte, fungendo anche da reporter speciali IQOS per una notte.

Cosa farà un IQOS Ambassador?

I cinque Ambassador parteciperanno all’iniziativa e avranno l’incarico di realizzare materiali fotografici e video per raccontare l’evento. Un’occasione, quindi, per entrare nel vivo del mondo IQOS, per conoscerlo meglio e giocare da protagonista per un’esperienza senza dubbio irripetibile.

Info e regolamento qui.

Vogliamo un futuro senza fumo. E lo vogliamo prima possibile.

IQOS - UN FUTURO SENZA FUMO

L’impegno di Philip Morris International per la costruzione di un futuro globale senza fumo prosegue senza sosta. “Si tratta di una visione di totale trasformazione, che cambierà la società: un futuro che non include le sigarette. E vogliamo che questo avvenga il primo possibile”. Così il CEO André Calantzopoulos racconta l’ambizioso traguardo alla stampa internazionale.

Di fatto, tutti i fumatori nel mondo hanno il diritto di conoscere l’esistenza di modalità diverse per consumare il tabacco che non siano basate sul processo di combustione, la causa principale dell’inalazione di agenti tossici e cancerogeni presenti nel fumo di sigaretta.

Più di 10 autorità pubbliche di Paesi quali la Germania, il Regno Unito e il Giappone, oltre che numerosi istituti di ricerca privati, hanno già riconosciuto come il sistema IQOS sia in grado di ridurre significativamente l’emissione di sostanze tossiche rispetto alle sigarette.

Oltre 6 milioni di fumatori adulti nel mondo hanno già condiviso la scelta in favore di un futuro senza fumo, raccontata così dal CEO André Calantzopoulos.

Lettera aperta dal CEO di Philip Morris International André Calantzopoulos

All’attenzione della comunità di leader in tutto il mondo.

Come CEO di Philip Morris International, mi viene spesso chiesto perché non smettiamo di vendere sigarette. Forse questa è la domanda sbagliata. Quella giusta potrebbe essere: “Quand’è che le persone smetteranno di comprare sigarette?” Oggi, nonostante un crescente sforzo a livello mondiale per favorire la prevenzione e la cessazione dell’abitudine al fumo, i fumatori al mondo sono oltre 1 miliardo. E, secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2025 saranno ancora più di 1 miliardo. Queste persone sono i vostri elettori, i vostri vicini e forse i vostri amici e familiari: dobbiamo necessariamente guardare a soluzioni alternative per ognuno di loro.

Ecco perché in PMI siamo impegnati a creare un futuro senza fumo. È una visione di totale trasformazione, che cambierà la società: un futuro che non include le sigarette. E vogliamo che questo avvenga il prima possibile.

Sì, nel passato l’industria del tabacco ha avuto un evidente problema di credibilità, ma questo non dovrebbe impedirci di offrire ai fumatori adulti che altrimenti continuerebbero a fumare la possibilità di fare scelte più informate. In un mondo ideale, tutti i fumatori dovrebbero smettere completamente di consumare tabacco e nicotina: sarebbe la soluzione migliore. Siamo consapevoli che fumare causa malattie. Sappiamo anche che il tabacco contiene nicotina che, sebbene non priva di rischio e fonte di dipendenza, non è la causa primaria nello sviluppo di patologie fumo correlate. La causa principale sono i composti chimici generati durante la combustione di una sigaretta.

Abbiamo investito più di 4,5 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo per fornire ai fumatori adulti alternative migliori rispetto al perseverare con l’abitudine al fumo. Dietro questo investimento ed ogni progresso in Philip Morris International, c’è una solida base scientifica. Ci stiamo avvalendo di straordinarie scoperte tecnologiche per sviluppare alternative senza fumo che siano potenzialmente meno dannose rispetto al continuare a fumare. E non siamo i soli. In molti paesi, tra cui USA e UK, è ormai riconosciuto che alternative innovative senza fumo hanno il potenziale di essere meno dannose rispetto alle sigarette e rappresentano strumenti importanti a complemento delle politiche di salute pubblica incentrate sulla prevenzione e la cessazione dall’abitudine al fumo.

Ma prodotti e soluzioni innovative non hanno alcun potenziale se le persone non ne sono a conoscenza e non possono informarsi correttamente. Per questo siamo pronti e desiderosi di parlarne con i rappresentanti di tutti i settori e di tutti i punti di vista, inclusi quelli in disaccordo con la nostra visione.

Chi guarda con scetticismo alle nostre intenzioni, chi blocca il progresso senza prendersi il tempo di valutare gli studi scientifici e comprendere l’importanza di questa opportunità per la salute pubblica, fa un grosso danno ai fumatori. Mentre noi puntiamo verso un futuro senza fumo, questi detrattori riducono l’impatto delle possibili soluzioni alle politiche di salute pubblica. Stanno bloccando il cambiamento, negando a molti fumatori l’accesso a queste alternative. Si pensi a come vengono risolte le altre problematiche di scala globale come il cambiamento climatico, l’uguaglianza di genere, l’obesità, la fame e l’accesso all’educazione. Un fattore comune a tutte queste problematiche è la consapevolezza della necessità di lavorare insieme per provare a risolverle. Le compagnie energetiche vengono invitate nel dibattito per le soluzioni ai cambiamenti climatici. Viene permesso alle principali aziende alimentari di sedere al tavolo per parlare delle soluzioni a problemi come la fame e l’obesità.

Tuttavia, nel nostro settore, la società è allo stesso tempo divisa e paralizzata. Abbiamo urgentemente bisogno di un confronto aperto. Cos’è più importante: aiutare i fumatori oppure disprezzarci? Francamente, non penso sia ragionevole condannare le persone a fumare unicamente sigarette quando sono disponibili delle alternative. Potete immaginare le critiche che dovrei affrontare se, tra qualche anno, si scoprisse che avevamo delle valide alternative da offrire ai fumatori, ma le abbiamo lasciate nei cassetti dei nostri laboratori?

Ecco perché sto facendo appello ad un’apertura alla collaborazione. Per far sì che vi sia la volontà da parte dei governi, dei decisori pubblici, nelle ONG e degli individui di prendere in considerazione e valutare le evidenze scientifiche sui prodotti alternativi. Per essere aperti a nuovi concetti e al cambiamento.

Nel breve periodo di tempo in cui le alternative senza fumo sono state immesse sul mercato, milioni di uomini e donne hanno smesso di fumare e sono passati a questi prodotti ma sappiamo anche che dobbiamo prestare molta attenzione: una commercializzazione responsabile di questi prodotti è essenziale per assicurarci che solo i fumatori adulti che altrimenti continuerebbero a fumare sigarette passino a queste alternative. I nostri prodotti senza fumo non sono destinati alle persone che non hanno mai fumato o a quelle che hanno smesso.

Lavorando insieme, grazie a prodotti innovativi che incontrano i diversi bisogni dei fumatori adulti, unitamente a regolatori lungimiranti ed esperti di salute pubblica, possiamo accelerare il progresso verso un futuro senza fumo. Un futuro che creerà un mondo migliore per più di un miliardo di fumatori adulti e per i loro cari.

Ecco perché basiamo tutto il nostro impegno su una scienza rigorosa e sull’innovazione che possono condurci ad un futuro migliore.

Ecco perché è nostro dovere continuare a invocare un’apertura al dialogo che includa tutti i settori e i punti di vista, anche quelli in disaccordo con noi.

Ecco perché speriamo che dopo la lettura di questa lettera, guarderete in maniera obiettiva a quello che stiamo cercando di raggiungere e vi unirete a questo dibattito per il cambiamento.

Questo è il nostro perché. Non avremo di nuovo quest’opportunità.

André Calantzopoulos
Chief Executive Officer, Philip Morris International

Scopri il nuovo IQOS 3 Multi per scaldare il tabacco in modo ancora più pratico

IQOS 3 MULTI per scaldare il tabacco

È arrivato l’innovativo dispositivo IQOS “tutto in uno” che scalda e non brucia il tabacco, caratterizzato da un design sofisticato e ancora più compatto. Pratico e tascabile, consente fino a 10 utilizzi consecutivi senza necessità di ricarica.

L’attesa è finita: è arrivato IQOS 3 Multi, la versione “tutto in uno” che scalda e non brucia il tabacco. Il nuovo prodotto targato Philip Morris International, come gli altri prodotti della famiglia IQOS, è destinato ai fumatori adulti che cercano un’alternativa alla sigaretta e vogliono continuare a utilizzare tabacco. IQOS 3 Multi è stato creato pensando a chi ha una vita frenetica e poco tempo a disposizione. Consente infatti fino a 10 utilizzi consecutivi di stick di tabacco senza necessità di ricarica. Al termine dell’utilizzo, è possibile collegare il proprio IQOS 3 Multi a una delle pratiche basi di ricarica o ad un caricatore da auto.

Ascolto del consumatore IQOS

Confermando la passione e l’impegno nell’offrire alternative ai fumatori di sigarette tradizionali, Philip Morris International ha dato dunque vita ad una nuova generazione di IQOS grazie anche ad una conoscenza approfondita dei consumatori di IQOS e delle loro opinioni. L’Azienda, leader globale nello sviluppo dei dispositivi senza fumo, ha raccolto, infatti, sia online che nei punti vendita, le opinioni dei fumatori adulti che utilizzano IQOS. Partendo dall’analisi delle loro risposte, si è lavorato per migliorare il design del dispositivo e l’esperienza di consumo, mantenendo il rituale.

Innovazione pratica e nuovo design

Il risultato? Un prodotto unico come IQOS 3 Multi. Un dispositivo in cui caricatore e holder sono integrati in un unico elemento e che deve essere ricaricato una sola volta ogni 10 stick di tabacco.

Inoltre, grazie al suo innovativo design – una forma più sottile e un peso minore – IQOS 3 Multiè ancora più comodo da tenere in mano e da infilare in tasca o in borsa. Con una chiusura scorrevole tiene la polvere lontana dopo ogni uso. Le porte USB-C facilitano, poi, la ricarica.

Come anche il suo “fratello maggiore” IQOS 3, il Multi offre numerose opzioni di personalizzazione. E’ disponibile in quattro colori – Warm White, Velvet Grey, Stellar Blue e Brilliant Gold – e offre un’ampia gamma di accessori dedicati. Dalla serie di cap dai colori vivaci ed eleganti alle custodie e ai caricatori, che possono essere combinati per adattare IQOS alle proprie preferenze .

Un mondo senza fumo

L’obiettivo di Philip Morris International è favorire l’adozione dei dispositivi senza fumo da parte dei fumatori adulti. Circa 6 milioni di fumatori adulti hanno già abbandonato completamente le sigarette tradizionali in favore del riscaldamento del tabacco.

“Il nostro sogno – ha affermato André Calantzopoulos, CEO di Philip Morris International, alla presentazione del prodotto in Giappone – era creare un’alternativa valida per i fumatori adulti. IQOS ha trasformato questo sogno in realtà. IQOS 3 e IQOS 3 MULTI rappresentano un miglioramento e un’innovazione importanti. Segnano un altro passo avanti verso l’obiettivo di fornire valide alternative senza combustione e senza fumo alle fumatrici e ai fumatori che altrimenti continuerebbero a fumare sigarette tradizionali”.

Innovazione, impegno e persone: Philip Morris racconta la sua trasformazione per un futuro senza fumo anche su Facebook

IQOS 3 - per un futuro smoke free

Ottobre 2018: Philip Morris Italia apre la sua pagina Facebook per parlare di innovazione e dell’impegno dell’azienda per costruire un futuro senza fumo grazie al tabacco scaldato.
Per raccontare la nuova visione globale, la trasformazione messa in atto negli ultimi anni, le azioni volte a creare un futuro più sostenibile. Condividere la storia delle persone che contribuiscono ogni giorno a portare avanti la nuova mission globale di Philip Morris. E per farlo ha scelto uno dei canali di comunicazione più diffusi. Una pagina nata oggi, per il domani.

Innovazione all’insegna di un futuro senza fumo fatto di impegno nel riunire ricerca scientifica, tecnologia e talenti per creare un business più sostenibile, al fine di cambiare la vita dei fumatori adulti attraverso l’utilizzo di tabacco scaldato e on bruciato come nelle sigarette tradizionali. E’ questo l’obiettivo di Philip Morris Italia che racconta il suo mondo anche sui canali online, iniziando da Twitter, canale attivato nel novembre 2017, proseguendo con il sito https://www.pmi.com/markets/italy/it/about-us/overview, attivo da giugno 2018 e arrivando ora al terzo tassello della comunicazione con Facebook, social utilizzato da oltre 30 milioni di persone in Italia – quasi la metà della popolazione – , quindi capace di raggiungere e coinvolgere un audience considerevole.

Facebook. Per dare voce al domani

Stiamo progettando un futuro senza fumo” – questo è il filo conduttore della nuova pagina Facebook, nata appunto per creare un dibattito, informare, rispondere a dubbi o richieste e comunicare a tutto il pubblico adulto come Philip Morris sta cambiando profondamente. Il canale social è ormai una risorsa davvero imprescindibile. Ed è lo strumento principe per creare relazioni e rapporti con persone simili e con gli stessi interessi. La vera essenza di Facebook è proprio l’innata capacità di costruire un legame stabile con i propri fan. E Philip Morris vuole proprio questo, essere sempre presente per raccontare, spiegare e narrare un nuovo mondo, senza fumo.

Un processo di trasformazione, quindi, che passa attraverso la comunicazione e l’interazione, e che Philip Morris è pronta a sostenere con dati e informazioni e fatti concreti.

La pagina Facebook sarà quindi il luogo dove vedere con i propri occhi
come Philip Morris sta cambiando, i principi su cui si basa la cultura aziendale e le posizioni attualmente aperte in Italia e l’impegno per uno sviluppo sostenibile. Ecco alcuni spunti interessanti:

https://www.facebook.com/PhilipMorrisItaly/videos/337156980421144/

https://www.facebook.com/PhilipMorrisItaly/videos/337463200420608/

https://www.facebook.com/PhilipMorrisItaly/videos/1064617787032378/

https://www.facebook.com/PhilipMorrisItaly/videos/347314769364790/

Che aspetti a seguirci? Basta un like

Il cuore del futuro senza fumo è in Italia

IQOS futuro senza fumo

Philip Morris International ha investito un miliardo di euro in Italia nella prima fabbrica del mondo dedicata alla produzione di stick di ‘tabacco senza fumo’ da scaldare con IQOS.

Il futuro senza fumo è una visione che Philip Morris International custodisce da molto tempo. Dal 2008 sono stati investiti oltre 4 miliardi di dollari per rispettare l’impegno dichiarato a livello globale volto a sostituire le sigarette con valide alternative. Tra queste i prodotti del ‘tabacco senza fumo’.

Una scelta importante, una presa di responsabilità nei confronti della società e di tutte le persone che hanno riposto le proprie aspettative in uno dei leader globali della categoria. Un lavoro che guarda al futuro, ma poggia già su un solido passato. Oltre un decennio di studi e sperimentazioni, che ha coinvolto oltre 400 scienziati, ingegneri e tecnici negli avanzatissimi centri di Ricerca e Sviluppo di Neuchatel (Svizzera) e Singapore. Questo enorme impegno ha generato negli ultimi cinque anni un significativo contributo per tutta la comunità scientifica. Ciò, grazie alla condivisione di oltre 200 articoli peer reviewed, ovvero sottoposti alla valutazione esperta di specialisti indipendenti volta a verificarne l’idoneità alla pubblicazione.

Un passaggio rivoluzionario, che sta cambiando profondamente l’assetto e le prospettive di Philip Morris International. L’organizzazione si sta velocemente e consapevolmente trasformando per affrontare questa sfida col massimo impatto. Ciò, attraverso la selezione e il coinvolgimento dei migliori talenti in ambito sia scientifico che manageriale. Oltre  alla creazione di tutte le infrastrutture necessarie allo sviluppo, alla produzione e alla distribuzione dei nuovi prodotti della categoria del ‘tabacco senza fumo’.

Il centro di questa trasformazione è proprio l’Italia.

A partire dal 2014 Philip Morris International ha investito inizialmente 500 milioni di euro per la costruzione di un imponente polo produttivo nell’area di Bologna. Dislocato tra Zola Predosa e Crespellano, questo è il primo stabilimento al mondo dedicato alla produzione di stick di ‘tabacco senza fumo’ da scaldare con IQOS.

Costruito in meno di un anno, nell’ottobre 2014 è stato aperto l’importante ‘Training Center’ di Zola Predosa. Uno stabilimento di circa 13.000 metri quadrati, dedicato alla qualifica delle nuove linee produttive, alla formazione tecnica del personale e all’avvio della produzione. La base operativa per i primi Paesi che hanno lanciato IQOS. Il 23 settembre 2016 è stato invece inaugurato a Crespellano alla presenza delle massime autorità italiane il più grande impianto produttivo del nostro Paese. Con una superficie di oltre 310.000 metri quadrati, rappresenta la struttura più grande costruita ex-novo negli ultimi vent’anni. In linea con gli standard più elevati di efficienza energetica, a pieno regime i due stabilimenti raggiungono la sorprendente capacità produttiva combinata di circa 30 miliardi di stick di tabacco all’anno.

Un volume impressionante, che però pare non essere sufficiente a fronte dell’inarrestabile espansione di IQOS su scala globale. A giugno del 2017 è stato quindi annunciato un ulteriore investimento da parte di Philip Morris International di circa 500 milioni di euro. Generando così un aumento addizionale della capacità produttiva dello stabilimento. Generando così  600 nuovi posti di lavoro entro la fine del 2018, che vanno a sommarsi ai 1.000 generati a partire dal 2014.

Il sostegno all’economia sia locale che nazionale è indiscutibile. Il 90% delle imprese coinvolte nella costruzione degli impianti e nell’equipaggiamento dei macchinari è italiano, in particolare il 20% proviene proprio dal territorio emiliano-romagnolo.

L’imponente dispiegamento di risorse e talenti è giustificato dalla ferma volontà di guidare la rivoluzione nel mondo del ‘tabacco senza fumo’.

Tutto questo, non è certo quel genere di operazioni che un’azienda di tali dimensioni mette in atto se non credendo fermamente in una nuova missione. “La nostra ambizione è quella di guidare un cambiamento su larga scala – ha confermato André Calantzopoulos, CEO di Philip Morris International – per assicurare che i prodotti senza fumo sostituiscano in via definitiva le sigarette”.

E come tutte le ambizioni, vanno perseguite con costanza: “IQOS è stato una scommessa, perché quando abbiamo posato la prima pietra della fabbrica di Bologna. Stabilimento in cui produciamo gli stick di tabacco che vengono scaldati dal device elettronico non avevamo consumatori” spiega ancora Eugenio Sidoli. In questo momento invece quasi 6 milioni di fumatori adulti in più di 40 Paesi nel mondo hanno abbandonato le sigarette e scelto definitivamente il mondo del ‘tabacco senza fumo’ con IQOS.

IQOS e i game changer del futuro: Arthur Arbesser

Arthur Arbesser IQOS e i game changer del futuro

Arthur Arbesser vincitore di IQOS Master Style nel 2017 è oggi riconosciuto come uno degli stilisti emergenti più innovativi. La sua sfilata, all’ultima settimana della moda milanese, è stata un successo di critica e pubblico tanto da essere ripresa dal New York Times.

Abiti che sembrano opere d’arte e tessuti fluidi si mescolano a fantasie floreali e grafismi per una moda che prende ispirazione dall’arte. Sono passate poche settimane dalla chiusura della Milano Fashion Week 2018 che ha decretato tra i migliori stilisti emergenti il vincitore di IQOS Master Style. Parliamo dello stilista Arthur Arbesser, che ha recentemente ricevuto un riconoscimento internazionale anche dal New York Times.

Alla ricerca di talenti

IQOS conferma così il suo legame con le realtà più innovative e visionarie del mondo della moda, dell’arte e del design. Veri ‘game changer’, capaci di segnare una svolta radicale, proprio come la nostra realtà – aveva affermato Natasa Milosevic, Direttore Marketing Philip Morris Italia, in occasione della premiazione. In un anno lo stilista di origini austriache, ma ormai assolutamente milanese di adozione, ne ha fatta di strada conquistando passerelle e riviste internazionali.

2018. Arbesser e la Milano Fashion Week

Una collezione, quella presentata a Milano a fine settembre, in bilico tra i temi della secessione viennese, le opere di Fausto Melotti e di Koloman Moser, una sfilata intellettuale e concettuale, piena di leggerezza, grazie al sapiente gioco di contrasti. La collezione SS2019 di Arbesser è stata il grande successo di questo autunno milanese. Successo esaltato anche dal New York Times, insieme a quelle di brand molto noti come Jil Sander, Alberta Ferretti e Moncler.

2017. IQOS Master Style

Questa citazione rappresenta sicuramente un prestigioso riconoscimento anche per IQOS. Infatti, lo scorso ottobre aveva premiato proprio Arbesser come vincitore del progetto IQOS Master Style.  Progetto nato dalla collaborazione di Vogue Italia e Philip Morris per scoprire e promuovere i nuovi talenti nel settore del fashion design, veri game changer del futuro per creatività e innovazione. E così via libera alla creatività! Alle passioni! Alla voglia di cambiamento!

Arbesser aveva colto appieno questi temi, facendoli suoi e studiando delle speciali limited edition di accessori per IQOS, l’innovativo dispositivo che scalda il tabacco senza bruciarlo, sviluppato da Philip Morris International per un futuro senza fumo.
Ancora una volta la visione innovativa di IQOS è riuscita ad anticipare i tempi e le rivoluzioni in atto, tanto che il progetto vincitore aveva unito design, colore e geometria. Infatti l’architettura, tema caro al designer, si rivelava nel disegno della cover e delle due bag (una per lui e una per lei) attraverso una composizione essenziale con texture che evocano marmi colorati ed elementi geometrici. Il suo progetto per IQOS, univa funzionalità ed estetica, in un risultato inedito, un universo di geometria, interni di abitazioni e colori brillanti.

Nuovi mondi da esplorare

Oggi come ieri IQOS è alla costante ricerca di nuovi mondi da esplorare per una rivoluzione unica. Quella per un mondo senza fumo, dove i fumatori adulti possono scegliere una migliore alternativa alla sigaretta tradizionale, senza fumo, senza cenere e con meno odore persistente.

IQOS e innovazione ai piedi del Vesuvio

Napoli è innovazione con IQOS

Quando si parla di innovazione la mente va subito alla Silicon Valley e ai giganti del web. IQOS, invece, evento dopo evento, è la prova che l’innovazione è più un modo di pensare e agire. L’innovazione che abbraccia ogni campo della nostra vita sociale e culturale. Lo ha dimostrato anche durante la Summer Night presso l’Embassy di Napoli.

La sera del 11 luglio sulla bellissima terrazza del ristorante stellato Palazzo Petrucci, un’elegante location del quartiere Posillipo, che si affaccia sul golfo di Napoli. 300 ospiti, tra attori, imprenditori e professionisti del settore, si sono incontrati per vivere un’esperienza insolita e coinvolgente. Per l’occasione, infatti, IQOS ha pensato a un modo originale e divertente per fare sperimentare ai suoi invitati l’innovazione a 360°. Un viaggio originale che dal mondo della fotografia li ha portati a quello dei social engagement, del food e della musica.

La serata, tappa dopo tappa

Il viaggio nel fantastico mondo della tecnologia e dell’innovazione è iniziato al tramonto. Il cocktail di benvenuto, ha dato infatti il via alla serata, per poi proseguire con la prima tappa di questo affascinante percorso, la fotografia. Più di 40 ospiti hanno avuto modo di testare per la prima volta l’OrcaVue.  La fotocamera, di ultima generazione, grazie a una tecnologia brevettata, permette di registrare straordinari video-selfie a 360°. La location si è magicamente trasformata in un set cinematografico, dove registi in erba si sono divertiti a scoprire tutti gli effetti speciali di questo modello all’avanguardia.

La seconda tappa del percorso ha portato gli invitati nel mondo del food, con un momento di tasting experience. Per l’occasione, lo chef del ristorante Lino Scarallo (stella Michelin e IQOS user) ha realizzato un interessante show cooking.  L’evento ha stupito gli invitati con prelibati finger cotti a bassa temperatura.
La temperatura è, infatti, uno dei temi più cari a IQOS, dal momento che il dispositivo elettronico utilizza il rivoluzionario sistema Heat Control Technology.  La tecnologia sviluppata da Philip Morris International, scalda il tabacco fino a 350 °C senza bruciarlo. Il sistema permette così di non produrre fumo, né cenere e di rilasciare un odore meno persistente rispetto al fumo della sigaretta.

La terza tappa è stata quella dedicata alla musica con l’incredibile esibizione della Relight Orchestra.  Una performance fuori dal comune, dal sapore futurista, in cui singolari strumenti acustici ed elettronici hanno dato vita a un mix di suoni stupefacente. Fulcro della serata è stato Mark Lanzetta, che ha suonato una particolare arpa elettronica sfiorando i raggi laser che emetteva.

La conclusione del tour

Il tour si è concluso con la quarta tappa portando i partecipanti nell’universo del social engagement. Qui gli ospiti hanno scoperto le meraviglie del backdrop interattivo, sul quale ognuno ha provato a scrivere pensieri, stati d’animo o semplici messaggi. La serata è poi proseguita con la musica di Tommy Vee che si è esibito in uno spettacolare DJ set.

IQOS celebra l’innovazione al femminile

Philip Morris IQOS Game Changer per futuro senza fumo

L’8 marzo, insieme alle donne, IQOS celebra anche l’innovazione di cui sono capaci e in cui, nella storia degli ultimi secoli, si sono distinte. Con discrezione, senza grandi proclami, ma con tanta concretezza e sensibilità nel porre, tra gli obiettivi fondamentali, quello dell’interesse collettivo.

L’innovazione e la tecnologia da sempre parlano anche al femminile. IQOS celebra le “grandi donne” di ieri e di oggi

La storia è ricca di donne game changer. Anche se non così note come i loro colleghi, ricoprono ruoli importanti nelle invenzioni che hanno trasformato la nostra vita. 

Il cambiamento e la volontà di trasformare sono alla base della visione del futuro senza fumo promossa da Philip Morris International con IQOS.

Celebrare l’innovazione vuol dire supportarla e dare visibilità a chi, per motivi storici, culturali o semplicemente caratteriali, ne ha meno di quanto meriterebbe. Se Bill Gates e Steve Jobs sono, ad esempio, i nomi che per primi vengono in mente quando si parla della storia dell’informatica, non bisogna dimenticare che, a metà Ottocento, Ada Lovelace, figlia di Lord Byron, rinominata “l’incantatrice dei numeri”, fu la prima programmatrice della storia.

Le donne nella computer science hanno portato il loro contributo, segnando profondamente il settore tecnologico e informatico.

Qualche anno dopo, Edith Clarke non solo fu la prima donna ingegnere, ma anche la prima docente a ottenere una cattedra all’Università del Colorado dove inventò una calcolatrice in grado di eseguire alcuni calcoli a una velocità fino 10 volte superiore rispetto a tutti gli altri strumenti dell’epoca.

Qualcuno ha mai sentito parlare di Grace Murray Hopper? Eppure conoscete tutti il significato della parola “bug” per indicare un malfunzionamento di un computer. E’ stata proprio questa pioniera della programmazione informatica a diffonderlo. Ed è grazie a lei che il mondo della finanza ha conosciuto e utilizza ancora oggi il linguaggio Cobol.

Le Game Changer di oggi. Donne che fanno la differenza.

Ma arriviamo ai giorni nostri. Lo sapete che dal 1996 esiste The Women in Technology Hall of Fame? Dove vengono davvero premiate le game changer della tecnologia mondiale e le donne più influenti in questo settore.

Scopriamo così il nome di Radia Perlman, uno dei maggiori specialisti mondiali nell’ambito del software design e dell’ingegneria informatica delle reti: chiamata amichevolmente “la madre di Internet”, proprio per l’importanza dei suoi contributi e brevetti.

Passiamo poi a Pariza Tabriz, appassionata e studiosa di cultura hacker, che oggi dirige un team di 30 persone nel colosso di Mountain View, con l’obiettivo di scovare ogni giorno possibili punti deboli del browser chrome.

E, ancora, Helen Greiner: il suo obiettivo è “mettere i robot a disposizione di tutti” e, secondo le sue ricerche, entro pochi anni quasi in ogni casa degli Stati Uniti ci sarà un robot che sbrigherà le pulizie o farà da babysitter. Linda Hill, vincitrice dell’“Oscar dell’innovazione”: docente all’Università di Harvard e uno dei massimi esperti di innovazione al mondo, è stata inserita al sesto posto nella classifica dei Thinkers50.

E concludiamo con due signore proprio della hall of fame delle donne più influenti nel settore tecnologico a livello mondiale: Genevieve Bell, ricercatrice antropologa presso la Stanford University, ora leader di un team di oltre 100 ricercatori che cercano nuove soluzioni per migliorare la user experience, e Gwynne Shotwell matematica e ingegnere, che ha lavorato nell’automotive per poi spostarsi nel settore aerospaziale e diventare speaker TEDx.

Oggi quindi IQOS festeggia con orgoglio tutte le donne e i loro progetti innovativi, piccoli e grandi, ma comunque capaci di lasciare il segno. Un segno che è frutto della determinazione e dell’impegno che da sempre le contraddistinguono.

 

IQOS a San Valentino celebra l’amore

IQOS a San Valentino con Celebrating Love

A San Valentino l’amore cambia tutto, come IQOSÈ il 14 febbraio e la voglia di sorprendere chi amiamo è ineludibile. E allora perché non stupire il proprio partner, se fumatore, con l’offerta Celebrating Love di IQOS?

A San Valentino fai un regalo innovativo che ha in sé tutti i vantaggi di un cambiamento positivo. Ormai si sa, IQOS è il rivoluzionario sistema che scalda e non brucia il tabacco. Libera la coppia da fumo e cenere, riduce l’odore persistente, offrendo il gusto e la soddisfazione del vero tabacco.

Per questo IQOS celebra San Valentino con un’offerta dedicata proprio a chi vuole cambiare per amore. Si chiama Celebrating Love e vi dà la possibilità di acquistare fino al 18 febbraio due IQOS Kit, uno bianco e uno blu a 120€. Il modo più romantico per rivoluzionare la routine. Basta accedere allo Shop online o visitare l’IQOS Embassy o Boutique più vicina.

Ma non finisce qui. Chi ha già abbracciato il cambiamento ma vuole aggiungere colore, stile e un tocco di personalità può scegliere l’IQOS Kit, confezionato ad hoc per l’occasione, includendo un dispositivo IQOS completo e due cap colorati a scelta. Esclusivamente nelle IQOS Embassy e Boutique.

È bello poter cambiare insieme.

Chi ha già scelto IQOS – ormai oltre 4,7 milioni di fumatori adulti nel mondo – lo conferma. Ad esempio, IQOS (se usato in modo esclusivo) lascia significativamente meno macchie sui denti rispetto al fumo di sigarette *. Il retrogusto che resta in bocca è migliore rispetto a quello che si ha dopo aver fumato una sigaretta**. I fumatori che sono passati ad IQOS si sentono più a loro agio ad avvicinarsi alle persone e affermano che il loro alito è migliore rispetto a quando fumavano sigarette.***

Quindi che passiate una vacanza in una località da sogno o che preferiate concedervi una cena romantica, sorprendete la vostra dolce metà con IQOS. Un regalo originale ed esclusivo per chi crede che l’amore sia davvero in grado di cambiare tutto.

*In uno studio non clinico di laboratorio condotto in Svizzera, i denti umani e i composti dentali più utilizzati, esposti al vapore di IQOS per 3 settimane, mostrano significativamente meno macchie rispetto a denti esposti ad una sigaretta standard di riferimento (3R4F). Contrariamente a condizioni di vita reali, i denti non erano esposti ad altre sostanze che generano macchie quali caffè, te o vino, che avrebbero potuto influenzare i risultati. N.B.: Nel caso i tuoi denti siano già macchiati dal fumo delle sigarette, passare ad IQOS non li riporterà al colore originario. Quindi, il beneficio di IQOS sarà più evidente dopo una pulizia professionale dei denti e dopo essere passato completamente ad IQOS

**Sondaggi condotti online da agenzie di ricerca esterne nel 2015, 2016 e 2017 su un campione di 3.735 utilizzatori di IQOS in Giappone, Svizzera, Italia, Romania, Russia e Spagna)

***Sondaggi condotti online da agenzie di ricerca esterne nel 2016 e 2017 su un campione di 3.263 utilizzatori di IQOS in Giappone, Svizzera, Italia, Romania e Spagna.