Nuovi IQOS Cap: ecco i colori della Primavera!

Nuovi cap colorati IQOS

Nuovi IQOS Cap in 6 diverse tonalità ti aspettano nelle nostre IQOS Embassy e Boutique.

La luce rosata del tramonto, il blu profondo di un cielo notturno, le acqua argentee e cristalline di un fiume. Oppure i riflessi cromati di una corsa nella città, il rosa acceso di due labbra, l’azzurro di uno schermo dimenticato nel buio. I colori sono impulsi primordiali, sensazioni ed emozioni. Ricordi. Tutto racchiuso nelle nuove IQOS Cup.

Gli attribuiamo un valore particolare a seconda della nostra esperienza di vita. Per qualcuno, in fondo al cassetto c’è ancora quella cravatta rosso brillante che ha segnato l’inizio di una carriera, per altri, una parete giallo scuro è il simbolo indelebile di un’infanzia passata a immaginare con la testa appoggiata al cuscino.

E ogni giorno cogliamo l’opportunità di esprimere una sfumatura differente di noi. A seconda dell’umore amiamo circondarci giocosamente di pennellate allegre o tinte scure, se ci sentiamo sicuri e invincibili. Se desideriamo avere una carica in più verteremo su colori accesi, mentre ricercheremo nuance tenui se aspiriamo a un po’ di quiete. Abbiamo fatto in modo che le IQOS Cup seguissero il vostro stato d’animo, le vostre emozioni, le vostre sensazioni.

IQOS comprende questo bisogno e desidera offrire la possibilità di esprimersi liberamente e sperimentare la “prima vera essenza del colore”. Per questo ha rilasciato in esclusiva per IQOS Embassy e Boutique una nuova serie di intriganti Colored Cap in 6 cromie inedite, da aggiungere alle 5 già presenti (disponibili nello shop online): Giglio Tigrato, Hot Pink, Stone Blue, Acciaio, Argento e Nero. Ognuno da poter abbinare al proprio umore, alla propria personalità o anche semplicemente al proprio outfit.

In esclusiva nelle IQOS Embassy di Roma, Milano, Torino, Bologna e Modena e nelle IQOS Boutique di Catania e Madonna di Campiglio.
Venite a trovarci!

I giapponesi scelgono IQOS

La tecnologia IQOS conquista il Giappone

IQOS, i nuovi dispositivi creati da Philip Morris, stanno riscuotendo sempre più successo nella popolazione nipponica.

È la nazione tra i primi posti al mondo per innovazione tecnologica. Il Giappone, che quotidianamente assiste a numerosissime novità nei campi dell’elettronica e della robotica, non poteva che accogliere con grande interesse il nuovo dispositivo d’avanguardia creato da Philip Morris International. I nipponici hanno scelto IQOS: la tecnologia firmata Philip Morris in poco tempo ha conquistato il 10% del mercato. D’altra parte, saper individuare dove c’è vera innovazione è quanto i giapponesi sanno fare meglio di qualsiasi altra popolazione. IQOS non solo ha superato il giudizio dei più esperti nel campo della ricerca ma in pochi mesi è stato acquistato da oltre un milione di persone in Giappone.

La popolarità del nuovo e unico dispositivo Philip Morris International è sicuramente dovuta a un design ricercato e in linea con il gusto minimal orientale. La possibilità di usare tabacco minimizzando il fastidio al prossimo è un valore talvolta ancora debole in Occidente e sempre più forte nella cultura giapponese. Il dispositivo di Philip Morris non è soltanto il risultato di una geniale intuizione ma rappresenta il culmine di un accurato percorso di studio.

Il processo di studio ha visto impiegati circa 400 scienziati in un lungo periodo durato più di dieci anni e per il quale sono stati investiti oltre tre miliardi di dollari.

Non sorprende, dunque, che lQOS abbia ricevuto un’accoglienza calorosa sia dalla popolazione che da personalità di spicco. Molti artisti in Giappone si stanno ispirando ad IQOS realizzando personalizzazioni dedicate. Spicca il successo di Hiromi Iuchi, che per IQOS ha creato una collezione esclusiva di sleeves. Le due opere intitolate “Utopia Island: Five Minutes Holiday” e “Utopia Island: Gardenia Garden”, sono state esposte presso l’IQOS Embassy di Milano durante la Milano Design Week. L’artista è stata fortemente ispirata dai valori di IQOS e dalla ricerca costante per il miglioramento della vita attraverso l’elaborazione degli stimoli esterni.

In Giappone i punti vendita IQOS sono circa 400. Si presentano come moderni negozi di tecnologia posti nella stessa area di caffè, ristoranti, uffici e hotel.

Al loro interno, indossando occhiali 3d, si può intraprendere un viaggio in un mondo virtuale. Si possono scoprire tutte le caratteristiche del prodotto fino a entrare nello stesso dispositivo e comprenderne il funzionamento. Non solo virtuale ma anche reale: i clienti, accompagnati dallo staff, possono provare l’esperienza con IQOS.

Da quando IQOS è sbarcato in Giappone, davanti al punto vendita sulla strada principale di Harajuku, uno dei quartieri più popolari di Tokyo, ci sono file lunghissime. Il boom di vendite è stato confermato fino ad oggi ed è in aumento. Del resto, i giapponesi amano il comfort, il benessere, l’educazione e IQOS ben si associa con la moderna mentalità nipponica.

Come si usa IQOS? Alcuni semplici consigli per un perfetto utilizzo

IQOS consigli per l’uso

IQOS: facilità, comodità, design. Ecco alcuni semplici consigli per un perfetto utilizzo.

Utilizzare IQOS è molto semplice e noi abbiamo pensato a dei piccoli consigli che vi agevoleranno nell’utilizzo. Il sistema IQOS infatti si compone di un caricatore tascabile e un dispositivo da usare con un prodotto specifico a base di tabacco, denominato stick. Il consumo è davvero facile e veloce! Basta rimuovere il dispositivo IQOS dal caricatore tascabile e inserire uno stick fino alla linea argentata.

Accendi il tuo IQOS tenendo premuto il pulsante di accensione per qualche secondo; quando la luce lampeggiante diventa verde il gioco è fatto! IQOS è pronto per l’uso.

Al suo interno il dispositivo IQOS scalderà il tabacco contenuto nello stick a una temperatura costante al di sotto dei 350° senza bruciarlo, generando un vapore contenente nicotina. Una volta conclusa l’esperienza, potrai tirare delicatamente il cappuccio del dispositivo, senza staccarlo, e rimuovere lo stick, che può essere smaltito tranquillamente con gli altri rifiuti, poiché non c’è una parte incandescente.

IQOS quindi è pronto per essere ricaricato in vista del prossimo utilizzo all’interno del suo caricatore.

Siamo certi che avrai colto la praticità di IQOS e quindi siamo pronti a salutare la sigaretta convenzionale.

Venite a conoscere personalmente la praticità di IQOS presso una delle nostre Embassy a Roma, Milano, Torino, Bologna e nelle IQOS Boutique di Catania e Madonna di Campiglio.

IQOS non è una sigaretta elettronica

Philip Morris sigaretta senza combustione

IQOS non è una sigaretta elettronica, ecco qualche info utile.

Per chiarire qualsiasi dubbio a riguardo vogliamo illustrarvi le fondamentali specificità tra una sigaretta elettronica e il dispositivo IQOS.

  • Materia prima. La prima e sostanziale differenza tra una sigaretta elettronica e IQOS è nella scelta della materia prima da scaldare e quindi vaporizzare. Per la sigaretta elettronica si tratta di liquidi ottenuti mescolando varie componenti, in alcuni casi anche la nicotina. IQOS al contrario scalda vero tabacco sotto forma di stick appositamente progettati.
  • Tecnologia. Al contrario di una sigaretta elettronica che sfrutta un meccanismo alimentato da una batteria che scalda e vaporizza i liquidi, il sistema IQOS utilizza una tecnologia brevettata da Philip Morris International. La tecnologia denominata HeatControl™ Technology, grazie a un software, scalda il tabacco senza bruciarlo, mantenendolo a una temperatura costante al di sotto di 350° C.
  • Esperienza. Quando l’utente aspira da una sigaretta elettronica può immediatamente rendersi conto di un’esperienza diversa rispetto a quella della sigaretta tradizionale. Questo perché a contatto con le labbra si trova solitamente un bocchino in plastica di varia forma a seconda del modello. Con IQOS invece la persona entra in contatto con un elemento, il filtro dello stick di tabacco, molto simile al filtro della sigaretta tradizionale. Anche la durata del consumo di ogni stick si avvicina a quella di una sigaretta tradizionale. IQOS, come le sigarette, offre un’esperienza che ha un inizio e una fine, diversamente dalle sigarette elettroniche.

Le caratteristiche riguardando anche l’utilizzo e il design innovativo

  • Utilizzo. L’utilizzo di una sigaretta varia a secondo del modello. Ad esempio, se si utilizza una sigaretta elettronica “refillable”, il consumatore deve caricare la batteria, comporre il liquido, nonché riempire il serbatoio. La fruizione di IQOS è molto diversa: si deve caricare IQOS nell’apposito charger, rimuoverlo dal caricatore e inserire lo stick al suo interno. È poi necessario premere un pulsante e un segnale luminoso indicherà quando si può iniziare il consumo.
  • Design. Sul mercato italiano sono presenti moltissimi modelli di sigaretta elettronica, dai più piccoli ai più grandi. Ad oggi, IQOS è invece unico nel suo genere.

Per vivere un’esperienza esclusiva e saggiare con mano tutte le caratteristiche uniche di IQOS, vieni a trovarci in una delle nostre IQOS Embassy di Roma, Milano, Torino e Bologna o nelle IQOS Boutique di Catania e Madonna di Campiglio.

Il mondo IQOS così com’è

Il mondo IQOS: ecco come trovare il giusto indirizzo

Breve e interessante guida su ciò che siamo e cosa facciamo per voi.

Se siete già innamorati di IQOS, se siete curiosi di sapere come funzionano le cose qui, o se ci siete capitati per caso, non importa: il nostro sito è il posto giusto voi. Che certamente siete curiosi e con un animo aperto al cambiamento.

Vorremmo parlavi delle nostre piccole grandi rivoluzioni cominciando proprio dal nostro portale, che è molto più di un semplice sito di prodotto. Su IQOSITALIA c’è davvero tutto quello di cui amiamo parlare e che adoriamo raccontarvi: innovazione e tecnologia in diversi ambiti, dai nostri prodotti, fino all’arte e al design.

Sul nostro Magazine ad esempio, troverete moltissimi articoli e approfondimenti sugli argomenti che ci stanno più a cuore. Vi terremo aggiornati sulle ultime novità che riguardano il mondo IQOS, vi informeremo riguardo gli eventi più esclusivi e pubblicheremo interessanti interviste, che soddisfino la vostra curiosità ma che, allo stesso tempo, continuino a stimolarla ancora e ancora. Per essere certi di non perdere nessun contenuto, avete la possibilità di iscrivervi alla newsletter e ricevere IQOS Magazine, direttamente sulla vostra email.

Nella sezione Dicono di IQOS potete leggere ciò che le più importanti testate italiane hanno scritto sui nostri dispositivi che, ricordiamo, sono firmati Philip Morris. Forse c’è qualcosa che volevate sapere su IQOS anche lì.

Inoltre, vi invitiamo a visitare le nostre IQOS Embassy o Boutique. Sul sito, nella sezione Incontra IQOS potete facilmente scoprire come venire da noi, avete anche la possibilità di prendere un appuntamento. I nostri esperti saranno felici di accogliervi e parlare con voi dei nostri prodotti. Su richiesta, c’è anche la possibilità che un professionista IQOS vi raggiunga in un luogo scelto da voi. Avere informazioni sul prodotto o ricevere assistenza dopo l’acquisto, sarà facile.

Vi consigliamo di visitare anche la sezione Collabora, dove potrete scoprire come trasformare la passione per i dispositivi IQOS in un’opportunità da non perdere.

Per i desideri dell’ultimo minuto c’è la sezione Acquista, l’unico shop online ufficiale dove troverete tutti i nostri prodotti, anche le ultime novità.

Non vi resta che andare a curiosare tra le varie sezioni, siete ancora qui? Buona scoperta!

IQOS Pathfinder Project: la poetica multiforme di Davide Quayola

IQOS Pathfinder Project: Andrea Salvatori e la sua arte ironica a Kitch a Milano

L’IQOS Pathfinder Project ha presentato alla Design Week di Milano una mostra esclusiva sull’artista internazionale Davide Quayola.

Davide Quayola è stato il protagonista di una delle due mostre (l’altra è quella dello studio di design Panter&Tourron) promosse da IQOS per l’apertura del progetto IQOS Pathfinder alla Design Week di Milano, dedicata alla raccolta Jardins d’Été. Artista romano di base a Londra, classe ’82, le sue opere sono oggi esposte in tutto il mondo, da New York (galleria Bitforms), a Londra (V&A Museum), a Parigi (Palais de Tokyo).

Nella fase di ricerca creativa, Quayola opera con Chiara Horn nel duo sperimentale HFR Lab, per poi proseguire in solitaria perlustrazione. Combina immagini, materiali e tecnologia per produrre opere suggestive e innovative, che indagano i rapporti tra reale e artificiale, figurativo e astratto, nuovo e vecchio. La sua poetica è multiforme: in particolare spazia dalla scultura alla video arte, dalla pittura digitale alle installazioni multimediali, alla performance. È uno dei maggiori artisti contemporanei che riesce a integrare le potenzialità tecnologiche nell’arte in maniera naturale. Anticipa nuove relazioni possibili tra i mondi del sensibile, del concettuale e della tecnica e assumendo il ruolo di un vero innovatore.

La tecnologia pertanto non è solo uno strumento, ma parte integrante dell’opera. Nella serie Strata un software da lui ideato scompone e ricompone i classici di Tiepolo e Velazquez in geometrie vibranti e ipnotiche. Nella serie Captives la vera opera è il processo, ad opera di un braccio meccanico che scava le forme impresse nella sua memoria digitale.

IQOS: quando l’innovazione si ispira all’arte – Andrea Salvatori

IQOS Pathfinder Project: Andrea Salvatori e la sua arte ironica e Kitch a Milano

Ironia, stupore e tecnica impeccabile all’IQOS Lounge di Milano. In occasione della Milano Design Week – che si è tenuta dal 4 al 9 aprile scorso – in mostra le opere di Andrea Salvatori.

In occasione della Milano Design WeekIQOS ha ospitato in diverse sedi le opere di molti artisti, designer e innovatori. Gli artisti attraverso le proprie creazioni sfidano i linguaggi contemporanei e stimolano nuove riflessioni sulla realtà che ci circonda.

Uno degli artisti è stato Andrea Salvatori, scultore e ceramista classe ’73, che ha costruito un linguaggio fatto di innesti e combinazioni divertenti. L’artista inoltre parte dalla passione per le statuine di ceramica trovate nei mercatini d’antiquariato e dal concetto di ready-made. L’intento dell’artista è infatti quello di prendere soggetti vagamente kitsch per aggiungervi un twist inaspettato, ironico e interessante. In questo modo riesce a generare sorpresa e a scardinare i preconcetti radicati nella nostra concezione del mondo.

L’abilità tecnica, proveniente dallo studio, gli è valsa il diploma di maestro d’Arte all’Istituto per la Ceramica Ballardini e dall’Accademia di Belle Arti di Bologna. L’abilità tecnica gli permette di intervenire sul soggetto creando integrazioni del tutto irriconoscibili (per stile) dall’originale. Di creare opere personali di eccellente fattura. Tra le sue opere inoltre troviamo ballerine e robot, figure geometriche che interagiscono con innocenti angioletti in maniera dissacrante.

Un repertorio sorprendente esposto con grande successo presso l’IQOS Lounge di Milano in Via Tortona 31 proprio durante la Design Week.

IQOS Pathfinder Project: quando l’innovazione si ispira all’arte – Simone Crestani

IQOS Pathfinder Project: Simone Crestani espone alla Lounge di via Tortona 31 a Milano

Nell’IQOS Lounge di Milano, le tecniche del passato riemergono per raccontarci qualcosa di nuovo grazie all’IQOS Pathfinder Project e all’arte di Simone Crestani.

In occasione della Milano Design Week le opere di Simone Crestani sono state esposte all’IQOS Lounge di Milano in una collezione in anteprima assoluta.

Designer, artista, ma soprattutto artigiano, precisa Simone Crestani, perché senza una padronanza della materia e della tecnica, la sua arte non riuscirebbe ad esprimersi. Simone Crestani, poco più che trentenne è famoso in Europa e negli Stati Uniti. Ha cominciato a lavorare il vetro quasi per caso, cercando un impiego estivo negli anni del liceo. Da allora ha proseguito dedicandosi all’affinazione della tecnica come apprendista di bottega.

Tra le moltissime tecniche studiate, l’artista predilige una lavorazione che risale agli inizi del XIX secolo, il vetro modellato alla fiamma. Il vetro nelle sue mani assume qualunque forma, da soggetti realistici a decorazioni concettuali, vere e proprie opere d’arte e pensiero contemporaneo. Per Simone la vera sfida del vetraio moderno è infatti proprio quella di fare tesoro della tradizione antica e rinnovarla con idee attuali e innovative.

IQOS Pathfinder Project: quando l’innovazione si ispira all’arte – Luca Pozzi

IQOS Pathfinder Project: Luca Pozzi all’Embassy di Milano

L’IQOS Pathfinder Project presenta Luca Pozzi, il giovane artista che da alcuni anni ha conquistato la scena internazionale.

Luca Pozzi è un artista avveniristico, che riunisce arte e fisica in opere dall’estetica semplice ma profondamente evocativa. Un nuovo linguaggio estetico che riesce ad unire la bellezza della forma alle leggi fisiche della materia.

Laureato all’Accademia di Brera in grafica 3D e sistemi informatici, ha collaborato con comunità scientifiche. Le principali, il CERN e la NASA, dove è nata la sua passione per la fisica, la gravità e la cosmologia. Una passione che lo ha portato ad approfondire questi temi e gli ha schiuso le porte di un universo inesplorato.

L’arte di Luca Pozzi rappresenta la natura concreta e allo stesso tempo teorica della realtà. La sua ricerca indaga un’apparente antitesi tra ciò che siamo abituati a percepire e ciò che è, risolvendola in oggetti armonici, eterei e contemporaneamente materici.
Rapito dai suoi stessi progetti, prolifico ed eclettico, troviamo nella sua raccolta di opere sculture animate da studiati magnetismi, video sensoriali e scatti. Elementi che riuniscono in un solo concetto bidimensionale e tridimensionale, come nell’opera “Supersymmetric Partner”.

La trovate esposta negli eleganti spazi dell’IQOS Embassy di Milano insieme ad altre opere innovative che stimoleranno i vostri sensi e vi arricchiranno con punti di vista inediti.

IQOS presenta l’IQOS Pathfinder Project

IQOS Pathfinder Project: l’innovazione delle arti

L’obiettivo più importante di IQOS è quello di portare un cambiamento positivo nella vita delle persone. È da queste premesse che nasce l’IQOS Pathfinder Project.

Per farlo IQOS si spinge oltre i confini già esplorati, in cerca di nuove strade da intraprendere. Supera le barriere nazionali e diffonde la cultura dell’innovazione. Solo dalla cultura infatti può scaturire un cambiamento positivo e duraturo.

Una piattaforma culturale globale che presenta i talenti più innovativi alla ricerca di nuovi modi di pensare, sentire, gustare, vedere. Una vetrina all’avanguardia con idee di innovazione più brillanti nei campi di design, arte e gastronomia. Una fonte di ispirazione personale continua e sempre accessibile a tutti, che a breve vedrà finalmente la luce. Troverete artisti, designer, pionieri della gastronomia, che attraverso l’uso creativo di materiali e tecnologia hanno dato vita a opere di rottura, capaci di farci provare sensazioni inaspettate e vedere il mondo da un punto di vista inedito, rompendo i pregiudizi, creando nuove connessioni. Permettendo che oggi, nella vostra vita, si inneschi un meccanismo di trasformazione positiva.

L’IQOS Pathfinder Project ha avuto un ruolo importante durante la Design Week di Milano.

Grazie ad IQOS sono state realizzate due mostre dedicate all’opera di artisti e designer innovativi, il visual artist Davide Quayola. e il duo di designer Panter& Tourron.

Nell’IQOS Embassy di Milano invece sono stati allestiti alcuni tra gli arredi più famosi progettati da celebri designer, che hanno rivoluzionato i paradigmi esistenti: Aldo Rossi, Oscar Niemeyer, Nanda Vigo, Cesare Leonardi, Shiro Kuramata, Ron Arad, Martino Gamper, Philippe Starck.