Preordina subito il tuo IQOS 3. Un’occasione unica per chi ama il gusto autentico del tabacco scaldato con IQOS.

Preordina subito il tuo IQOS 3. Un’occasione unica per chi ama il gusto autentico del tabacco scaldato con IQOS.

Chi ama l’innovazione ama essere avanti nello sperimentare ciò che è nuovo, diverso, altro. IQOS lo sa bene. Proprio per questo dal 9 al 14 novembre offre la possibilità di preordinare il miglior IQOS di sempre. Per un’esperienza di consumo del tabacco in continua evoluzione.

Con lo sguardo sempre rivolto al futuro, Philip Morris International si proietta avanti verso un mondo senza fumo con lo sviluppo di device sempre più sofisticati per scaldare il tabacco dall’interno, restituendone agli utilizzatori il vero gusto del tabacco con un’esperienza alternativa al fumo tradizionale. Questo l’obiettivo della terza generazione di IQOS che continua ad evolvere.

Sempre più iconici

Lo scorso 23 ottobre a Tokyo nel quartiere Ginza è stato lanciato IQOS 3. La scelta della location non è stata casuale. Ginza è uno dei quartieri più esclusivi della grande capitale nipponica, dove si trovano sia i brand più prestigiosi dell’alta moda sia importanti negozi di elettronica. In quest’atmosfera è avvenuta la presentazione worldwide dell’IQOS migliore di sempre. In linea con questo mood, anche l’Italia si prepara al lancio nazionale con un evento esclusivo che si terrà proprio stasera a Milano. Il nuovo IQOS 3, che affiancherà e non sostituirà la versione 2.4 plus, sarà disponibile non solo online ma anche nelle Embassy e Boutique di tutta Italia a partire dal 15 novembre.

Gli IQOS lover più appassionati però possono partecipare al prebooking fin da ora per assicurarsi di essere tra i primi ad avere il migliore IQOS di sempre. Un quantitativo molto limitato di IQOS 3 è infatti già disponibile su iqos.com per effettuare il preordine (fino ad esaurimento scorte).

Tutti i plus del design

IQOS 3 rappresenta l’evoluzione della HeatControl Technology con un design che ridefinisce eleganza e intuitività. Il caricatore tascabile dai bordi piacevolmente arrotondati, è stato completamente riprogettato per essere più ergonomico e compatto. Anche l’holder è più sottile e arricchito da dettagli più raffinati. Ma non basta. Il miglior IQOS di sempre è dotato del nuovo ProtectPlus System. Questo sistema garantisce maggiore affidabilità grazie al guscio esterno, più robusto e resistente agli urti, e al sistema di apertura laterale rinforzato. Disponibile nei quattro nuovi colori Warm White, Velvet Grey, Stellar Blue e Brilliant Gold, IQOS 3 offre più di 500 possibilità di personalizzazione grazie all’ampia collezione di accessori di cui è corredato.

Tutti i plus della tecnologia

L’innovazione è anche una questione di prestazioni. IQOS 3 rispetto ai modelli precedenti garantisce una ricarica più veloce – ridotta del 15% – e più agevole grazie al cavo USB-C a orientamento reversibile. Anche la batteria è stata potenziata per durare più a lungo. Dispone di un’illuminazione più efficace delle spie luminose che assicura una migliore visibilità degli indicatori nei vari momenti della giornata. Progettato per funzionare in un intervallo più ampio in termini di temperatura (0° – 50°C circa) e in varie condizioni atmosferiche. IQOS 3 può seguirti praticamente ovunque.

Il nuovo IQOS 3 è stato progettato per rispondere alle esigenze degli utilizzatori grazie alle opinioni di quasi 6 milioni di fumatori adulti che hanno già compiuto il grande passo verso il consumo del tabacco senza fumo. Il risultato? Il miglior IQOS di sempre.

Innovazione tecnologica e voglia di cambiare: Gabriele incontra IQOS e il nuovo modo di scaldare il tabacco – Prima parte

Gabriele è un giovane manager, responsabile commerciale e marketing di Motorbox, un’importante testata giornalistica di auto e moto. Fumatore, proverà IQOS con il supporto di un Coach per decidere se abbandonare la combustione delle sigarette e passare al nuovo modo di scaldare il tabacco. Come andrà a finire? Lo abbiamo incontrato nel suo studio, nel luogo in cui trascorre la maggior parte della sua giornata per conoscere le sue abitudini legate al fumo e accompagnarlo nel suo percorso di conoscenza del mondo IQOS.

Fumatore, Gabriele ha sentito parlare di IQOS e del suo nuovo modo di scaldare il tabacco senza combustione e ha deciso di provare. Così si racconta: “Consumo una media di dieci sigarette al giorno che raddoppiano quando esco la sera. Solitamente fumo più nel tempo libero che durante le pause al lavoro”. Gabriele è circondato dall’innovazione tecnologica. E’ la sua passione e un tema fondamentale della sua professione. Così come il design, imprescindibile nel settore automobilistico.

In effetti, Gabriele è incuriosito da IQOS, ma vuole conoscerlo meglio perché, ci rivela, “sono un po’ stanco delle sigarette. Ho capito che, piuttosto, vorrei passare a un diverso modo di consumare il tabacco. So che IQOS è senza combustione e questo mi interessa particolarmente perché credo che riduca il problema dell’odore. Mi dà molto fastidio sapere che gli altri provano fastidio per la mia puzza di fumo di sigaretta. Se potessi evitarlo ne sarei felice.”

I dubbi, prima di tutto

Prima di incontrare l’IQOS coach, gli chiediamo se ha qualche dubbio nell’affrontare questa esperienza di prova, anche se conosciamo il suo interesse per l’evoluzione tecnologica in generale: “Ho dei dubbi sulla praticità dell’oggetto e mi domando se mi mancherà il fumo della sigaretta, se il tabacco avrà un gusto diverso. Ma sono incuriosito da IQOS. L’ho conosciuto due anni fa al Salone dell’Auto al parco del Valentino a Torino e poi ho iniziato a vederlo in giro. Ho amici fumatori adulti che lo usano da un po’ e sono contenti della scelta che hanno fatto. Quindi, voglio provarlo seriamente.”

L’incontro con il coach

La persona che seguirà Gabriele è Alessia, una ragazza solare e allegra, capace di spiegare ogni minimo dettaglio, anticipando anche le eventuali domande. Ed è così esaustiva da non lasciare spazio all’incomprensione.
Il servizio di coaching è nato per tutti coloro che sono interessati a provare IQOS e, già dopo un anno e mezzo, è molto conosciuto e richiesto. “Inizialmente era molto richiesto da fumatori più in là con gli anni. Soprattutto negli ultimi sei mesi, il servizio ha avuto un grande incremento anche nella fascia di fumatori compresi tra i 25 e i 40 anni che hanno intenzione di continuare a consumare tabacco ma in modo più pulito vista l’assenza di combustione, fumo e cenere” spiega Alessia.

Le domande più frequenti

Quali sono i dubbi o le domande che gli utilizzatori del servizio fanno più spesso prima di iniziare? “I dubbi sono gli stessi che ha espresso Gabriele” aggiunge la coach milanese. “Qualcuno domanda anche se è una sigaretta elettronica ma noi spieghiamo che IQOS non lo è, pur avendo in comune con la sigaretta elettronica la caratteristica di presentarsi come alternativa a quella tradizionale. Raccontiamo le caratteristiche tecnologiche legate all’HeatControl Technology che scalda il tabacco anziché bruciarlo. Spieghiamo che questo consentirà loro di assaporare il vero gusto del tabacco, scaldato e non bruciato. E poi spieghiamo i vantaggi legati alla tecnologia, ovvero l’eliminazione sia del fumo che della cenere e la riduzione dell’odore persistente”.

L’incontro fase 1: la conoscenza è fondamentale per decidere

Dopo aver chiesto a Gabriele le sue abitudini legate al fumo, Alessia spiega dettagliatamente come funziona il dispositivo, soffermandosi proprio su un tema caro a Gabriele, ovvero quello dell’eliminazione della combustione. Conclude mostrando come pulire il dispositivo in modo da preservare nel tempo il funzionamento dell’holder e quindi il gusto del tabacco.

IQOS è un’alternativa alla sigaretta e non è una sigaretta elettronica

Un tema molto importante da far capire a chi vuole conoscere il mondo IQOS è quello relativo all’impossibilità di fare un confronto con le normali sigarette. “Molto spesso ci chiedono a quale tipologia di sigarette si possono paragonare i diversi stick da usare con IQOS, ma questo confronto è impossibile. IQOS non è una sigaretta elettronica e non scalda neanche le sigarette tradizionali. La lavorazione degli stick di tabacco è completamente diversa da quella delle tradizionali sigarette”.

Il consumo esclusivo è fondamentale

Alessia raccomanda a Gabriele di non alternare IQOS e sigaretta durante il periodo di prova, altrimenti risulta difficile constatarne i vantaggi e, soprattutto, valutare il sapore del tabacco. Questo perché con IQOS si ha una percezione più delicata e autentica del gusto del tabacco.

L’incontro fase 2: la prima sensazione

Per Gabriele, la coach ha scelto il modello IQOS 2.4 plus versione blu notte. Gabriele lo prova, facendo diversi tiri non troppo ravvicinati: “Il sapore mi sembra un po’ leggero. Comunque è diverso”. Il motivo è semplice, replica Alessia: “Quello che hai sentito è il gusto autentico del tabacco. Ti sembra più leggero perché il palato si deve riabituare al gusto. E’ come quando passi al caffè senza zucchero dopo averlo bevuto sempre zuccherato!”.

E adesso parte la prova

Dopo il primo incontro, Gabriele e Alessia si salutano. Resteranno in contatto per tutta la durata del periodo di prova, che può raggiungere anche due settimane. Alessia è fiduciosa: “I fumatori adulti che passano a IQOS dopo averlo provato con il supporto del coach sono molti più di quelli che si può immaginare. Circa il 70 per cento di chi lo prova passa ad IQOS e al nuovo modo di scaldare il tabacco. Partire con la giusta convinzione aiuta. E mi sembra che Gabriele abbia lo spirito giusto.”

To be continued…

IQOS cerca inviati speciali per eventi speciali

IQOS cerca invitati speciali

Manca pochissimo allo Special Event che si terrà a Milano il 9 novembre 2018 e IQOS cerca aspiranti inviati speciali. E li cerca con un contest su Facebook a cui possono partecipare tutti quelli che hanno scelto di utilizzare IQOS. Il dispositivo che consente di consumare il tabacco in modo nuovo in alternativa alla sigaretta tradizionale.

Durerà due giorni, da lunedì 5 a martedì 6 novembre, il contest su Facebook con il quale IQOS selezionerà alcuni candidati che potranno essere “inviati per una notte” allo Special Event che si terrà a Milano il 9 novembre. Due giorni per rispondere, condividere e attendere il nome dei vincitori, che verranno comunicati il 7 novembre.

Cosa farà l’ inviato speciale IQOS?

Gli inviati parteciperanno all’evento speciale del 9 novembre durante il quale potranno realizzare materiali fotografici e video per condividere l’evento sui canali social di IQOS. Un’occasione, quindi, per entrare nel vivo del mondo IQOS, per conoscerlo meglio.

Le caratteristiche e i requisiti dell’inviato IQOS

Deve essere amante di tutto ciò che è innovazione, IQOS lover e fan della pagina Facebook IQOS Italia. Di conseguenza l’inviato speciale ideale sarà anche conoscitore di tutti i vantaggi di IQOS per i fumatori adulti grazie alla rivoluzionaria HeatControl Technology che scalda il tabacco senza bruciarlo, eliminando sia fumo che cenere e riducendo l’odore persistente. Gli inviati dovranno avere più di 25 anni e essere appassionati di “social-reportage” .

Come partecipare

Partecipare al concorso è molto semplice: basta andare sulla pagina Facebook IQOS Italia: https://www.facebook.com/iqos.it e rispondere al post che da oggi consente di partecipare al contest. Non servono foto, descrizioni fisiche o dei propri interessi, basta rispondere, con un testo o con una foto, alla domanda che verrà lanciata. Un esempio? Potranno esserci domande legate al mondo e alla filosofia IQOS, in cui si chiede di raccontare le piccole rivoluzioni che hanno portato un cambiamento nella propria vita… oltre a IQOS, ovviamente!

Saranno 3 gli inviati  – selezionati da una giuria composta da esperti di marketing e comunicazione –  che, con occhio attento e abilità fotografica, vivranno l’evento IQOS da una posizione privilegiata nel ruolo di testimoni in prima linea del cambiamento.

Manca poco alla partenza. Su https://www.facebook.com/iqos.it trovate il regolamento completo.

IQOS vi aspetta con il vostro pass speciale per il 9 novembre!

Innovazione, impegno e persone: Philip Morris racconta la sua trasformazione per un futuro senza fumo anche su Facebook

IQOS 3 - per un futuro smoke free

Ottobre 2018: Philip Morris Italia apre la sua pagina Facebook per parlare di innovazione e dell’impegno dell’azienda per costruire un futuro senza fumo grazie al tabacco scaldato. Per raccontare la nuova visione globale, la trasformazione messa in atto negli ultimi anni, le azioni volte a creare un futuro più sostenibile e la storia delle persone che contribuiscono ogni giorno a portare avanti la nuova mission globale di Philip Morris. E per farlo ha scelto uno dei canali di comunicazione più diffusi. Una pagina nata oggi, per il domani.

Innovazione all’insegna di un futuro senza fumo fatto di impegno nel riunire ricerca scientifica, tecnologia e talenti per creare un business più sostenibile, al fine di cambiare la vita dei fumatori adulti attraverso l’utilizzo di tabacco scaldato e on bruciato come nelle sigarette tradizionali. E’ questo l’obiettivo di Philip Morris Italia che racconta il suo mondo anche sui canali online, iniziando da Twitter, canale attivato nel novembre 2017, proseguendo con il sito https://www.pmi.com/markets/italy/it/about-us/overview, attivo da giugno 2018 e arrivando ora al terzo tassello della comunicazione con Facebook, social utilizzato da oltre 30 milioni di persone in Italia – quasi la metà della popolazione – , quindi capace di raggiungere e coinvolgere un audience considerevole.

Facebook. Per dare voce al domani

Stiamo progettando un futuro senza fumo” – questo è il filo conduttore della nuova pagina Facebook, nata appunto per creare un dibattito, informare, rispondere a dubbi o richieste e comunicare a tutto il pubblico adulto come Philip Morris sta cambiando profondamente. Il canale social è ormai una risorsa davvero imprescindibile. Ed è lo strumento principe per creare relazioni e rapporti con persone simili e con gli stessi interessi. La vera essenza di Facebook è proprio l’innata capacità di costruire un legame stabile con i propri fan. E Philip Morris vuole proprio questo, essere sempre presente per raccontare, spiegare e narrare un nuovo mondo, senza fumo.

Un processo di trasformazione, quindi, che passa attraverso la comunicazione e l’interazione, e che Philip Morris è pronta a sostenere con dati e informazioni e fatti concreti.

La pagina Facebook sarà quindi il luogo dove vedere con i propri occhi
come Philip Morris sta cambiando, i principi su cui si basa la cultura aziendale e le posizioni attualmente aperte in Italia e l’impegno per uno sviluppo sostenibile. Ecco alcuni spunti interessanti:

https://www.facebook.com/PhilipMorrisItaly/videos/337156980421144/

https://www.facebook.com/PhilipMorrisItaly/videos/337463200420608/

https://www.facebook.com/PhilipMorrisItaly/videos/1064617787032378/

https://www.facebook.com/PhilipMorrisItaly/videos/347314769364790/

Che aspetti a seguirci? Basta un like

Il Giappone apre le porte ad IQOS 3, il nuovo modello del dispositivo che scalda il tabacco

IQOS 3 - per un futuro senza fumo

Il nuovo IQOS 3 debutta a Tokyo. La terza generazione di IQOS è stata presentata a Tokyo con un evento di portata internazionale. Il sistema per scaldare il tabacco senza bruciarlo è ancora più vicino agli utilizzatori e fumatori adulti verso un mondo senza fumo, come “sogna” anche André Calantzopoulos, CEO di Philip Morris International. Il traguardo: un 2025 smoke-free.

L’innovazione tecnologica è una sfida per Philip Morris International, una delle società leader del settore del tabacco. Oggi l’obiettivo prioritario è quello di convertire entro il 2025 40 milioni di fumatori adulti nel mondo ai device smoke-free. “Stiamo ancora imparando, ma abbiamo capito qual è la strada” ha sottolineato alcuni giorni fa Angelos Kolyris, vice presidente Product & Process Development. Ovvero, colui che segue lo sviluppo di IQOS e lavora a stretto contatto con gli scienziati, presso il cenntro di ricerca il Cube. È proprio a Neuchâtel (in Svizzera) dove vengono concepite e sviluppate le soluzioni alternative alla sigaretta.

Verso Tokyo

Parte dalla capitale nipponica il lancio mondiale della terza generazione di device smoke-free, avvenuto lo scorso 23 ottobre. Il nuovo IQOS 3, che non sostituirà il modello 2.4 plus ma lo affiancherà, vuole venire incontro alle esigenze dei consumatori emerse finora.  L’obiettivo è quello di migliorare il design e l’esperienza con il dispositivo, mantenendo, nel contempo, il gusto autentico del tabacco, scaldato e non bruciato. L’auspicio è che sempre più fumatori adulti passino ai dispositivi senza fumo. Quasi 6 milioni di utilizzatori – molti dei quali proprio nel Paese del Sol Levante – hanno già abbandonato completamente le sigarette tradizionali.

Il sogno di un mondo smoke-free

“Il nostro sogno” – ha affermato André Calantzopoulos, CEO di Philip Morris International, presente a questo importante traguardo – “era creare un’alternativa valida per i fumatori adulti. IQOS ha trasformato questo sogno in realtà. IQOS 3 rappresenta un miglioramento e un’innovazione importanti, segnando un altro passo avanti verso l’obiettivo di  un futuro senza fumo. Gli utilizzatori di IQOS sanno che questo prodotto ha cambiato molto la loro vita; desideriamo ringraziarli e ringraziare il Giappone per aver guidato questo cambiamento”.

Italia e Giappone, le basi della svolta

Non è un caso che il primo lancio di IQOS avvenne nel 2014 in contemporanea a Milano e Nagoya. Da sempre Italia e Giappone hanno avuto un ruolo-chiave nel processo di trasformazione dell’Azienda leader nel settore tabacco. La terza generazione dei device IQOS, per ora in vendita solo in Giappone, sarà disponibile in Italia a metà novembre e si presenterà ancora più “user-friendly”.

I consumatori giapponesi hanno già accolto favorevolmente la nuova estetica e le nuove caratteristiche di IQOS 3. E anche il nostro Paese è al centro di questa continua trasformazione: “Abbiamo fatto grandi investimenti nel Bolognese – continua Kolyris – perché noi crediamo fortemente nell’Italia: è un Paese davvero importante per noi”.

Sol Levante: un mercato di IQOS lover

Il mercato giapponese è stato il più recettivo, anche per via della cultura nipponica, basata sul rispetto per gli altri. È stata accolta con entusiasmo, quindi, una soluzione alternativa alla sigaretta che non produce fumo né cenere e riduce l’odore persistente

Il cuore del futuro senza fumo è in Italia

IQOS futuro senza fumo

Philip Morris International ha investito un miliardo di euro in Italia nella prima fabbrica del mondo dedicata alla produzione di stick di ‘tabacco senza fumo’ da scaldare con IQOS.

Il futuro senza fumo è una visione che Philip Morris International custodisce da molto tempo. Dal 2008 sono stati investiti oltre 4 miliardi di dollari per rispettare l’impegno dichiarato a livello globale volto a sostituire le sigarette con valide alternative. Tra queste i prodotti del ‘tabacco senza fumo’.

Una scelta importante, una presa di responsabilità nei confronti della società e di tutte le persone che hanno riposto le proprie aspettative in uno dei leader globali della categoria. Un lavoro che guarda al futuro, ma poggia già su un solido passato. Oltre un decennio di studi e sperimentazioni, che ha coinvolto oltre 400 scienziati, ingegneri e tecnici negli avanzatissimi centri di Ricerca e Sviluppo di Neuchatel (Svizzera) e Singapore. Questo enorme impegno ha generato negli ultimi cinque anni un significativo contributo per tutta la comunità scientifica. Ciò, grazie alla condivisione di oltre 200 articoli peer reviewed, ovvero sottoposti alla valutazione esperta di specialisti indipendenti volta a verificarne l’idoneità alla pubblicazione.

Un passaggio rivoluzionario, che sta cambiando profondamente l’assetto e le prospettive di Philip Morris International. L’organizzazione si sta velocemente e consapevolmente trasformando per affrontare questa sfida col massimo impatto. Ciò, attraverso la selezione e il coinvolgimento dei migliori talenti in ambito sia scientifico che manageriale. Oltre  alla creazione di tutte le infrastrutture necessarie allo sviluppo, alla produzione e alla distribuzione dei nuovi prodotti della categoria del ‘tabacco senza fumo’.

Il centro di questa trasformazione è proprio l’Italia.

A partire dal 2014 Philip Morris International ha investito inizialmente 500 milioni di euro per la costruzione di un imponente polo produttivo nell’area di Bologna. Dislocato tra Zola Predosa e Crespellano, questo è il primo stabilimento al mondo dedicato alla produzione di stick di ‘tabacco senza fumo’ da scaldare con IQOS.

Costruito in meno di un anno, nell’ottobre 2014 è stato aperto l’importante ‘Training Center’ di Zola Predosa. Uno stabilimento di circa 13.000 metri quadrati, dedicato alla qualifica delle nuove linee produttive, alla formazione tecnica del personale e all’avvio della produzione. La base operativa per i primi Paesi che hanno lanciato IQOS. Il 23 settembre 2016 è stato invece inaugurato a Crespellano alla presenza delle massime autorità italiane il più grande impianto produttivo del nostro Paese. Con una superficie di oltre 310.000 metri quadrati, rappresenta la struttura più grande costruita ex-novo negli ultimi vent’anni. In linea con gli standard più elevati di efficienza energetica, a pieno regime i due stabilimenti raggiungono la sorprendente capacità produttiva combinata di circa 30 miliardi di stick di tabacco all’anno.

Un volume impressionante, che però pare non essere sufficiente a fronte dell’inarrestabile espansione di IQOS su scala globale. A giugno del 2017 è stato quindi annunciato un ulteriore investimento da parte di Philip Morris International di circa 500 milioni di euro. Generando così un aumento addizionale della capacità produttiva dello stabilimento. Generando così  600 nuovi posti di lavoro entro la fine del 2018, che vanno a sommarsi ai 1.000 generati a partire dal 2014.

Il sostegno all’economia sia locale che nazionale è indiscutibile. Il 90% delle imprese coinvolte nella costruzione degli impianti e nell’equipaggiamento dei macchinari è italiano, in particolare il 20% proviene proprio dal territorio emiliano-romagnolo.

L’imponente dispiegamento di risorse e talenti è giustificato dalla ferma volontà di guidare la rivoluzione nel mondo del ‘tabacco senza fumo’.

Tutto questo, non è certo quel genere di operazioni che un’azienda di tali dimensioni mette in atto se non credendo fermamente in una nuova missione. “La nostra ambizione è quella di guidare un cambiamento su larga scala – ha confermato André Calantzopoulos, CEO di Philip Morris International – per assicurare che i prodotti senza fumo sostituiscano in via definitiva le sigarette”.

E come tutte le ambizioni, vanno perseguite con costanza: “IQOS è stato una scommessa, perché quando abbiamo posato la prima pietra della fabbrica di Bologna. Stabilimento in cui produciamo gli stick di tabacco che vengono scaldati dal device elettronico non avevamo consumatori” spiega ancora Eugenio Sidoli. In questo momento invece quasi 6 milioni di fumatori adulti in più di 40 Paesi nel mondo hanno abbandonato le sigarette e scelto definitivamente il mondo del ‘tabacco senza fumo’ con IQOS.

Food, fotografia e IQOS, il dispositivo che scalda il tabacco: le tre passioni che fanno felice Francesca

Quante cose può fare una giovane donna di trentasei anni durante la sua giornata? Una? Dieci? Anche cento, se ha l’energia e la passione di Francesca. Di origini abruzzesi, ma trapiantata a Milano, dove svolge la sua attività di food stylist e food photographer dal 2016, dopo aver lasciato il suo precedente lavoro di media planner. Una decisione importante, che l’ha portata a fare il “grande salto” da dipendente di una grande agenzia a professionista autonoma. Una scelta che ha rivoluzionato la sua vita e le sue giornate: prima, tra numeri e tabelle excel, ora, tra cibo, luci e ristoranti. Il cambiamento è il fil rouge della vita di Francesca, che l’accomuna ad IQOS e l’ha portata a provarlo, per continuare a consumare il tabacco ma in modo diverso.

Dai numeri al cibo: cosa ti ha portato a prendere questa decisione?

Avendo origini abruzzesi, il mio rapporto con il cibo è sempre stato molto forte. Credo sia così per tutti quelli che hanno origini nel Sud Italia. In più, ho scoperto nel tempo che mi piaceva particolarmente non solo il cibo legato al mondo della cucina, ma anche il suo aspetto estetico, e quindi la sua fotografia. Mi sono appassionata fino a decidere di farlo diventare un lavoro. E sono stata sicuramente aiutata dall’attenzione sempre maggiore che si è sviluppata nei confronti del cibo e dalla sua propagazione sui social.

Ho iniziato come autodidatta, ma poi ho investito molto nella mia formazione.
Attualmente sto seguendo un Master di fotografia allo IED, per migliorare sempre più e approfondire la mia professione. Ecco, se posso dare un consiglio a chi decide di fare un cambiamento professionale, è proprio quello di investire nella formazione e nella ricerca. Credo che anche chi ha inventato IQOS lo abbia fatto. Credo sia stato fondamentale fare ricerca, studiare, approfondire prima di arrivare a creare qualcosa di così rivoluzionario rispetto ai tradizionali modi per consumare il tabacco.

Sembri molto preparata anche su IQOS: come lo hai conosciuto? Quando è entrato nella tua vita?

Me lo ricordo perfettamente. E’ stata una mia amica a farmi conoscere IQOS. Mi ha detto: “Devi provare questo sistema nuovo. E’ una vera alternativa alla sigaretta, perché scalda il tabacco, ma non lo brucia. Quindi non fa fumo e tu non puzzi”. L’ho provato e da allora uso IQOS a casa, sia quando sono al computer e lavoro alla post-produzione delle foto, sia quando sono sul divano e ho un po’ di tempo libero.

Com’è la giornata di una food stylist e photographer?

Quando ho deciso di intraprendere questa attività, tutti mi dicevano “vedrai quando farai le call in pigiama!” e io ho pensato che mai e poi mai avrei fatto una cosa del genere!
Quindi, per prima cosa dopo la sveglia, mi faccio la doccia e mi vesto.
Subito dopo, caffè e IQOS! Pronta, “caffettata e con iqos”, faccio la spesa e cucino. Ma in un modo un po’ diverso da quello cui tutti siamo abituati, perché preparo il cibo per lo scatto fotografico, quindi, non solo il contenuto, ma anche la “scenografia”. Faccio esperimenti, prove e, dopo lo scatto, mi dedico alla post-produzione delle immagini al computer.
Ci vuole tempo e cura per ogni dettaglio perché la creazione del piatto, così come quella dello scatto fotografico, non è mai veloce, servono gesti precisi, a volte lenti a volte più rapidi.

Che caratteristiche deve avere un piatto per essere innovativo?

Per me l’innovazione è un nome: quello dello chef Niko Romito. Attraverso un lavoro lunghissimo e meticoloso, arriva alla sintesi estrema di un sapore e di un ingrediente.
Credo che quando riesci a raggiungere quel livello estremo di essenzialità e quando, eliminando, arrivi al sapore puro, allora ottieni un piatto veramente innovativo.
Prendi IQOS, ad esempio, grazie alla sua capacità di scaldare e non bruciare, senza fumo, senza cenere e con meno odore persistente, ti restituisce il gusto autentico del tabacco.

Francesca descrive IQOS con tre aggettivi: versatile, smart e bellissimo. E aggiunge: “soprattutto nella versione metallizzata blu, che è proprio una chicchetta!”.

Shop online: IQOS per te, dove e quando vuoi

IQOS e-commerce: lo shop online dove e quando vuoi

Le principali caratteristiche dello shop online firmato IQOS? Consegna veloce ed esperienza personalizzata.

Dinamico e innovativo: poteva IQOS non muoversi in perfetta autonomia anche online? Tutto quello che riguarda il prodotto del futuro – che è già nel presente – è facilmente acquistabile nel suo shop online ufficiale.  Seduti comodamente a casa o in ufficio, o magari “on the go” dal proprio smartphone.

Non che trovare IQOS e tutti i suoi accessori nel mondo offline sia difficile: in primis ci sono le esclusive IQOS Embassy e Boutique, luoghi interamente dedicati al prodotto e alla socialità, dove sciogliere qualsiasi dubbio e ricevere informazioni. E poi le tabaccherie e gli esercizi autorizzati alla vendita di IQOS su tutto il territorio nazionale.

Per un’esperienza d’acquisto del tutto personalizzata in termini di luogo e orario l’e-commerce firmato IQOS è comunque la soluzione ideale. Una volta entrati nell’area shopping, una barra di ricerca nella parte superiore della home page consente di sfogliare il catalogo nelle diverse sezioni: “Kit”, “Accessori”,  “Novità” e “Promozioni“.

L’esperienza per l’utente è chiara e semplice: una volta selezionato il prodotto attraverso “Aggiungi al carrello” e confermata la registrazione sul sito, si accede alla sezione del pagamento. Tra i vantaggi, la velocità: i prodotti ordinati saranno recapitati in 24-72 ore al massimo.

Massima agilità anche nei metodi di pagamento tra cui PayPal. Il famoso metodo per pagare, accettare pagamenti online e trasferire denaro a distanza in pochi semplici passi garantisce la massima sicurezza.

Altra possibilità di pagamento messa a disposizione nello shop online di IQOS è il contrassegno, cioè al momento della consegna. In questo caso, solo un consiglio. Accertarsi di avere con sé l’importo esatto sul posto, perché i corrieri non hanno una cassa e non possono corrispondere un eventuale resto.

Ricapitolando: l’IQOS che si desidera, quando lo si desidera, recapitato direttamente in ogni zona d’Italia e nel luogo prescelto. Una scelta possibile a qualsiasi ora del giorno, senza la necessità di dover incastrare impegni o rinunciare a un invito a cena per correre a fare acquisti. La comodità è online.

IQOS è innovazione. Anche nell’arte

ArtVerona è la manifestazione “slow” dedicata all’arte contemporanea, alla ricerca e alla sperimentazione. In un evento così eccezionale e dalle tematiche innovative, non poteva mancare IQOS, con un suo “space” concepito per ospitare due grandi artisti internazionali Azuma Makoto e Antoine Le Grand.

150 gallerie, 6 sezioni espositive, 23.000 espositori, 480 collezionisti e 1.150 artisti. Questi i numeri di ArtVerona che apre il 12 ottobre e si propone come manifestazione raccolta, all’approccio “slow”, teso alla ricerca e alla sperimentazione. Date le premesse non poteva mancare un IQOS Space. Un’area studiata per accogliere le opere di due artisti che sono legati alla filosofia Philip Morris: Azuma Makoto e Antoine Le Grand.

Lo Space firmato IQOS è una location unica che unisce l’allure della galleria d’arte – con l’esposizione di opere dei due artisti in progetti site-specific – alle limited edition firmate IQOS. In particolare, la 2.4 Plus Blue Limited Edition e tutti gli accessori – cap colorati, pochette in pelle e astuccio Duo Folio – nei colori più ricercati della stagione.

ArtVerona. Opening il 12 ottobre

La manifestazione è perfetta per accogliere la voglia di cambiamento di IQOS. Infatti, sotto la direzione artistica di Adriana Polveroni per il secondo anno, ArtVerona consolida il suo posizionamento. Conferma l’impegno a sostenere un modello fieristico dal tratto distintivo, con un collezionismo di nuova generazione, promuovendo un nuovo sistema dell’arte italiana. Come testimoniano #backtoItaly e il tema della manifestazione: “utopia”.

I visitatori potranno perdersi attraverso i due padiglioni: l’uno dedicato agli artisti storicizzati del dopoguerra, l’altro indirizzato agli artisti delle ultime generazioni. Sei, invece, sono le sezioni espositive: Riproposte Grand Tour, dove l’attenzione all’Italia si concretizza in opere di artisti italiani o con uno sguardo sulla nostra realtà; Raw Zone, spazi essenziali per one show; Scouting, area di ricerca con proposte progettuali più strutturate; i9 – Spazi Indipendenti, format dedicato a collettivi e spazi no profit impegnati nei linguaggi del contemporaneo e Main Section, con un’attenzione agli artisti mid career, oltre che ai Maestri e ai più giovani.

IQOS Space ospita Azuma Makoto e Antoine Le Grand

In questo concept così particolare e “fuori dagli schemi” non poteva, appunto, mancare IQOS.  Prodotto con oltre un decennio di ricerca e sviluppo da parte di Philip Morris International. 

ll dispositivo smoke free che scalda il tabacco senza bruciarlo, alternativo alle sigarette tradizionali, conferma l’impegno del gruppo per un futuro senza fumo. L’IQOS Space accoglie e presenta ai fumatori adulti e a chi già usa IQOS due progetti speciali e innovativi studiati appositamente da artisti internazionali.

IQOS Embassy di Roma ospita i nuovi talenti della lirica italiana

Antoine Le Grand, classe 1956, fotografo, è noto per i suoi ritratti di personaggi del mondo dello spettacolo. Nell’arco della sua carriera ha immortalato tanti volti noti tra cui Iggi Pop, David Lynch, Charlotte Rampling, Vincent Cassel. L’artista, focalizzato sui ritratti, ha accolto la sfida di un progetto ad hoc per IQOS confrontandosi con la fotografia still life, che rappresenti il  dispositivo. “IQOS è puro ed elegante” – afferma Le Grand –“Galleggia come uno shuttle nello spazio, lasciando forze e vibrazioni luminose. Essendo un ritrattista, fotografare immagini di nature morte è un esercizio eccitante e meticoloso. Arte, scienza e tecnologia creano la fotografia”. Il risultato? Appeso alle pareti dell’IQOS Space in speciali light box per un effetto spaziale.

Mentre Azuma Makoto, classe 1976, è un noto flower artist giapponese. Un uniqum che cerca di unire la tradizionale arte giapponese della disposizione dei fiori con l’innovazione, per creare opere d’arte originali. La sua arte consiste nel tentativo di dare vita perpetua a fiori e piante. Come in Shiki, scultura botanica, creata appositamente per IQOS, costituita da un pino giapponese all’interno di una cornice metallica a forma di cubo. Rispettando la dignità della natura, Makoto riesce nel tentativo di elevarne gli elementi a livello di opere d’arte, cambiandone le regole e andando oltre la tradizione. Anche Shiki sarà in mostra all’interno dello spazio IQOS.

La cifra innovativa di IQOS

L’impegno di Philip Morris International nel sostenere i progetti più innovativi e all’avanguardia è ancora una volta confermato dalla collaborazione tra IQOS e i due artisti. Veri e propri game-changer del mondo dell’arte e della fotografia, che sono stati capaci di segnare una svolta radicale nell’ambito della propria disciplina.

IQOS a Torino raddoppia con un’elegante IQOS Boutique

IQOS Boutique

Nuova apertura per IQOS in una città storica, elegante e bellissima. Sabato 22 settembre IQOS ha aperto le porte della sua nuova Boutique in Via Lagrange a Torino. Un contributo alla capacità di rinnovamento che caratterizza questa città.

Di Torino, al primo sguardo, colpisce soprattutto la compostezza elegante e lo skyline naturale che fa da quinta alla città formata dalle imponenti vette alpine. Il capoluogo piemontese si presenta come una location dal fascino unico ed è oggi una metropoli che guarda al proprio passato puntando al futuro.  Lungo il percorso ha portato con sé l’ambizione di una piccola città pedemontana che è divenuta capitale di un regno e di una nazione. Trasformatasi oggi in capitale del cinema e dell’automobile.

La città sabauda è davvero un concentrato di stimoli per la mente e anche per il corpo. E’ una città che non si ferma. Una città che sa rinnovarsi in ogni campo, a partire dall’arte, che la vede protagonista ogni anno con la tre giorni di Artissima. La quale l’ha vista creare, ricostruire e trasformare bellissimi spazi espositivi e palazzi storici dai murazzi alla cavallerizza, dal museo del cinema a quello egizio. Senza dimenticare che è stata la patria dell’Antonelli. Il geniale architetto, famoso per aver pensato e reso reali alcune opere innovative dalla “Mole” alla cosiddetta “fetta di polenta” (un palazzo alto e strettissimo).

La filosofia IQOS

La sua grande capacità di sorprendere, di innovare e di coinvolgere la rende affine alla filosofia IQOS. In linea con il suo essere un game changer, all’essere nato rivoluzionando completamente un’abitudine come quella dell’esperienza del tabacco. Un tabacco che ora, grazie alla tecnologia Heat Control non è più bruciato ma scaldato. Questo può rappresentare un’alternativa alla sigaretta tradizionale, per ben il 22% della popolazione italiana: quella dei fumatori adulti.

La Boutique in via Lagrange

Il capoluogo piemontese è centrale nel percorso verso un futuro senza fumo di Philip Morris International. Dopo l’IQOS Embassy, infatti, ha raddoppiato qui la sua presenza.

La Boutique di Via Lagrange è la prima in Italia con lo stesso look and feel di quelle presenti in tutte le più grandi città del mondo, per far vivere ai torinesi l’esperienza di un movimento globale orientato alla costruzione di un futuro senza fumo.  Spazi aperti, luminosi ed essenziali, un’atmosfera accogliente e autentica che crea un legame con uno stile di vita nuovo, fatto di innovazione, condivisione e sostenibilità. I visitatori sono stati accolti il 22 settembre e tutto è pronto per il party di apertura di giovedì 27.

Party di apertura: dj set VIP a sorpresa e creazioni culinarie dello chef Christian Mandura

Sarà una serata all’insegna della musica e del divertimento, con un esclusivo dj set dedicato. Sarà una serata per gustare le creazioni dello chef Christian Mandura.  Giovane ed estroso chef torinese formatosi al Noma di Copenaghen, alla guida del Geranio di Cheri. Una serata per scoprire tutte le novità IQOS e, per i fumatori adulti che ancora non lo conoscono. Pronti a provare il dispositivo nato come migliore alternativa alla sigaretta senza fumo, senza cenere e con meno odore persistente.